Lombardia, regione “regina” delle imprese di ecommerce e portali web

In Lombardia si concentra la maggior parte delle imprese attive nei settori del commercio online e dei portali web. Lo rivela una recente elaborazione della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati registro imprese 2017, 2016 e 2012. Entrando nel merito dei numeri, in regione sono ben 3.629 le imprese di questo tipo, su un totale di 19.303 in Italia. Tradotto in percentuali, significa che il 18,8% delle attività di commerce e web, a livello nazionale, si concentra in Lombardia. Interessante anche il trend di crescita: sono infatti aumentate del 8,1% in un anno e del 71,3% in cinque anni. Oltre 3 mila si occupano di e-commerce mentre sono 580 i portali web. Da sola la Lombardia raccoglie il 23,9% degli addetti del settore, quasi 7 mila su oltre 28 mila.

Milano la più attiva su web

In questo ambito, Milano è prima nel Paese con 1.718 imprese e quasi 5 mila addetti (+8,5% in un anno e +78% in cinque anni) seguita da Roma con 1.701 imprese e circa 2.500 addetti e Napoli con 1.312 imprese e 1.800 addetti. In Lombardia dopo Milano, vengono Brescia (398 imprese e oltre 400 addetti), Bergamo e Monza Brianza (313 imprese e 400 addetti ciascuna). Tra chi cresce di più Sondrio (+42% in un anno e +125% in cinque) e Cremona (+12,8% in un anno e +37,5% in cinque).

Dalla Camera di Commercio le riassegnazione dei domini e le linee guida

Un altro dato interessante riguarda la gestione delle procedure di riassegnazione dei nomi a dominio .it presso il Registro .it, l’anagrafe dei domini internet .it. Attualmente sono oltre 150 le richieste depositate presso la Camera Arbitrale di Milano, azienda speciale della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, unico ente pubblico accreditato per queste procedure.

Sempre in Camera di Commercio arriva una sola di decalogo per muoversi correttamente con la contrattualistica nel web. Casi di limitata certezza circa il momento di conclusione del contratto, chiarezza e precisione delle informazioni precontrattuali e degli aspetti specifici relativi al pagamento, fori competenti a volte poco agevoli per il consumatore, testi contrattuali che rimandano a normative di Paesi stranieri, e in alcuni casi una traduzione superficiale dei contratti redatti in lingua straniera: sono alcune delle criticità rilevate nel parere sui contratti online della Camera di commercio. Dieci punti tecnici e giuridici (conoscenza legale di base e corretta percezione degli adempimenti giuridici necessari, attivazione e valorizzazione della piattaforma informatica e del sito web, chiarezza delle informazioni, delle clausole contrattuali e delle condizioni generali di vendita, attenzione alla corretta indicazione del prezzo e ai costi nascosti per il consumatore, trasporto e spedizione della merce, pagamenti, privacy dei dati, mobile e tablet, post-vendita e feedback dei clienti, fiducia) su normativa del settore, vantaggi e opportunità per le imprese sono contenuti nel vademecum “L’impresa e l’ingresso nel commercio elettronico” per aiutare imprenditori ed aspiranti tali che vogliono lavorare nel settore del commercio online ad evitare alcuni degli errori più comuni.


Comments are closed