La tv liquida è una realtà consolidata

La tv è ancora il mezzo con la maggiore valenza informativa, sia per frequenza di accesso sia per importanza e attendibilità percepite. Ma le forme di accesso non tradizionali alla tv si sono affermate definitivamente. Tanto che il 2017  può essere ricordato come “l’anno della definitiva consacrazione della televisione liquida”. Così ha affermato Angelo Marcello Cardani, presidente Agcom, durante la Relazione annuale dell’Autorità  illustrata alla Camera.

Con una stima di circa 3 milioni di cittadini che guardano abitualmente la tv in streaming, e un numero 3/4 volte superiore che scarica abitualmente contenuti televisivi sui propri device, “la ‘tv liquida’ – sostiene Cardani – è ormai una realtà consolidata”.

“Radio e tv tradizionali manifestano importanti segni di tenuta”

“La televisione tradizionale manifesta comunque importanti segni di tenuta sia in termini di valore economico sia in termini di ascolti, con una audience media nel prime time serale stabilmente sopra i 25 milioni di contatti”, continua Cardani.

Anche la radio registra segnali di tenuta e consolidamento della sua posizione tradizionale. E questo sia in termini di ricavi complessivi (626 milioni di euro, -0,7%), sia in termini di audience.

I Big Data e il rischio monopolio

Secondo l’Agcom però è necessario interrogarsi sui rischi che comporta l’uso dei Big Data, sulla relativa possibilità di un ecosistema governato da poche grandi multinazionali, nonché sulla disciplina di mercati dominati dagli Over the top, come Google, Apple, Facebook e Amazon, riferisce Adnkronos.

Cardani ha poi ricordato come questi giganti del web “si impongono come monopolisti, anche quando la loro posizione non corrisponde perfettamente al modello consueto di chi controlla un mercato”. Se quindi le vecchie regole “ex post” appaiono inadatte alla disciplina di questi nuovi mercati, “dobbiamo chiederci se e in che misura si tratta di accompagnare la regolazione che verrà verso forme tecniche di disciplina delle grandi piattaforme digitali  – sottolinea Cardani – e verso un approccio ex ante alla regolamentazione del dato”.

Cresce la domanda di contenuti video online su rete fissa

Quanto alla banda larga, la crescente domanda di contenuti video online su rete fissa è alla base del sensibile incremento del consumo di banda e traffico dati (+30%). Se il consumo di dati da parte degli utenti è cresciuto del 48% circa nella telefonia mobile, in Italia crescono anche gli accessi a banda larga e ultralarga da rete fissa (+3,8% nel 2017), gli abbonati broadband su rete fissa aumentano di circa un milione e raddoppiano gli accessi ultrabroadband (da 2,3 a 4,5 milioni).


Comments are closed