More from: Aziende e negozi

I faretti da incasso per valorizzare i controsoffitti

Oggi va di gran moda il realizzare dei bellissimi controsoffitti in cartongesso, non esclusivamente in corridoio ma in qualsiasi ambiente di casa. Il vantaggio di un controsoffitto è quello di riuscire a ridurre l’altezza di una stanza ed il suddividere gli spazi tra i vari ambienti di un appartamento senza la necessità di ricorrere a nuove pareti per delimitare gli spazi. La sua funzione non è esclusivamente estetica ma al contrario un controsoffitto acquisisce naturalmente una certa capacità decorativa oggi tenuta in grande considerazione da tutti gli interior designer. Installare dei faretti da incasso ad esempio, consente di creare dei bellissimi percorsi luminosi sia in corridoio che in qualsiasi altra stanza, con conseguenti effetti di leggerezza e raffinatezza oggi molto ricercati e richiesti. I faretti hanno la grande capacità di potersi del tutto “nascondere” quando piazzati all’interno del controsoffitto, e possono anche essere dipinti dello stesso colore così da mimetizzarsi del tutto e restituire una certa continuità visiva che è sicuramente piacevole.

Installare i faretti da incasso in un controsoffitto è molto semplice ed è sufficiente realizzare i fori nei quali andare ad incassare i singoli faretti, da rifinire in seguito con lo stucco. Effettuati i collegamenti dei faretti alla rete elettrica, sarà sufficiente tinteggiare in maniera uniforme il controsoffitto così da nascondere definitivamente ogni “traccia” che possa evidenziare una diversa colorazione tra i faretti ed il controsoffitto stesso. A quel punto sarà già possibile godere dei bellissimi giochi di luce prodotti ed iniziare a stupirsi ogni volta che lo si guarda, in quanto si tratta di una soluzione realmente in grado di apportare un grande contributo in termini estetici. Sul sito lucefaidate.it è possibile visionare i diversi modelli di faretti da incasso presenti sul mercato e cercare di individuare quelli che si ritiene possano fare maggiormente al caso proprio.


Le sfide strategiche di Assolavoro

Quali sono le sfide strategiche da affrontare in un mondo del lavoro che cambia rapidamente? Secondo Assolavoro, l’associazione nazionale di categoria delle agenzie per il lavoro, è necessario innanzitutto garantire un lavoro dignitoso, contrastare il lavoro nero, sottopagato, e senza tutele. Poi, aiutare i giovani a entrare nel mondo del lavoro, gestire le transizioni da un posto di lavoro a un altro, investire nella semplificazione amministrativa e favorire l’internazionalizzazione.

Garantire una giusta retribuzione e contrastare il lavoro irregolare

Per Assolavoro il presupposto per un lavoro dignitoso è la garanzia di una giusta retribuzione. “Tra le forme di lavoro flessibile – spiega l’associazione – solo il lavoro a termine alle dirette dipendenze dell’azienda, e il lavoro in somministrazione, garantiscono per legge la retribuzione prevista dal Ccnl di settore”. Per le agenzie è quindi centrale “la lotta senza quartiere, sia sul piano normativo che dei controlli ispettivi, a ogni forma di illegalità, e in primo luogo al lavoro nero e irregolare”. Ma anche a ogni forma di “esterovestizione”, per evitare che vengano aggirati i requisiti previsti dalla legislazione italiana posti a presidio dei diritti dei lavoratori e del corretto funzionamento del nostro mercato del lavoro.

Favorire i giovani e superare le barriere che separano istruzione e lavoro

La secondo sfida strategica per Assolavoro è “aiutare i giovani ad entrare nel mondo del lavoro e a rimanerci”. In particolare, risulta fondamentale “il superamento delle barriere che ancora oggi separano il mondo della formazione e dell’istruzione da quello del lavoro”. Soprattutto attraverso percorsi di alternanza scuola-lavoro di qualità, il supporto nella conoscenza dei diversi mercati del lavoro, nell’acquisizione delle cosiddette soft skills, nel favorire rapporti sistemici con le imprese, e nella validazione delle competenze acquisite.

Gestire le transizioni da un posto di lavoro a un altro e tra status occupazionali diversi

Un’altra sfida per Assolavoro è quella di “gestire le transizioni da un posto di lavoro a un altro, e tra status occupazionali diversi (studio, occupazione, professione, momenti di cura o di formazione) attraverso politiche attive finalizzate”. Queste devono essere in grado di favorire inserimento e reinserimento al lavoro, erogare una formazione tarata sulle esigenze del sistema produttivo, e istituire forme di premialità per gli operatori specializzati al raggiungimento di risultati concreti (placement). Passando definitivamente dal finanziamento della disoccupazione a quello dell’occupazione, riporta Adnkronos.

Favorire percorsi di alternanza lavoro di qualità e incentivare le iniziative formative all’estero

In un mercato del lavoro che cambia, è necessario “formarsi, formarsi, formarsi”. Ma per contrastare la proliferazione della formazione non finalizzata, e l’adesione per il solo interesse all’indennità di partecipazione, secondo Assolavoro è importante “prevedere un obbligo di placement per chiunque eroghi formazione finanziata con fondi pubblici.

E per garantire una formazione adeguata non meno strategico è “favorire percorsi di alternanza lavoro ispirati alla qualità, investire nella semplificazione amministrativa, nella vigilanza, e nell’internazionalizzazione”. Ad esempio, incentivando le iniziative formative all’estero,.


Scegliere un asciugamani elettrico: perché affidarsi ai professionisti

Per un’azienda, una comunità, una palestra ma anche un locale pubblico la scelta di installare un asciugamano elettrico nei bagni è una scelta vincente per diversi motivi. Innanzitutto si evita uno spreco di carta, con un netto beneficio per l’ambiente. Ancora, si evitano lunghe trafile burocratiche e perdite di tempo dovute al riassortimento dei rotoli di asciugamani in carta. Inoltre, si ha la certezza di avere dei bagni sempre in ordine, senza cartacce per terra o peggio buttate nei sanitari. Infine, se si scelgono i modelli di nuova generazione c’è anche un netto vantaggio in termini di risparmio energetico. Insomma, i benefici superano di gran lunga gli ipotetici svantaggi ma, anche in questo caso, vale sempre la regola di affidarsi a dei professionisti del settore.

Gli aspetti da considerare in fase di acquisto

Per avere la certezza di compiere un acquisto di qualità, conviene scegliere un fornitore specializzato. Come Mediclinics, azienda leader del settore che non solo commercializza asciugamani elettrici e molti altri dispositivi, ma li produce direttamente. Quindi, conosce alla perfezione ogni dettaglio di ciò che vende. Mediclinics  produce asciugamani elettrici da oltre 40 anni: nello stabilimento di Barcellona vengono realizzati in media circa 200.000 asciugamani elettrici l’anno, destinati a tutto il mondo. Controlli di qualità, standard moderni e certificazioni internazionali sono all’avanguardia, sia per la tutela della sicurezza sia per quella dell’ambiente.

Quale modello scegliere?

In catalogo ci sono un’infinità di modelli, per tutte le esigenze e tutti i budget. Il fiore all’occhiello è rappresentato da DualflowPlus, che racchiude la miglior tecnologia oggi possibile per un asciugamani elettrico. Di ultima generazione, si caratterizza per  4 lame d’aria, inserimento verticale delle mani, asciugatura superveloce e getto d’aria superpotente a 400 km/h. L’asciugatura è velocissima – bastano solo 15 secondi –  eppure il consumo energetico rimane decisamente basso. Ancora, questo modello è regolabile (la potenza del motore va da 19.000 a 30.000 giri) ed è particolarmente silenzioso. Come ulteriore sicurezza per il cliente, questi asciugamani vantano le principali certificazioni internazionali e soprattutto sono coperti da una vera garanzia e da un servizio ineccepibile e reale che prevede 24 mesi di garanzia standard e addirittura  30 mesi di garanzia per acquisti online dal sito.

L’importanza della corretta installazione

Un asciugamani elettrico deve essere innanzitutto sicuro, costruito seguendo le rigide normative europee e testato e autorizzato da enti terzi. Ma, oltre a ciò, va anche installato a regola d’arte e soprattutto a norma di legge. In prima battuta, siccome è un apparecchio elettrico, è bene collocarlo ad almeno 60 centimetri dai lavandini o da dove si trova l’acqua. In linea di massima, l’asciugamani deve essere posizionato a 130 centimetri da terra (per gli spazi destinati ai bambini le misure sono inferiori)  così come devono essere rispettate le indicazioni previste nel caso si installi in un bagno per disabili, che prevede il montaggio a 105 cm da l pavimento. In sintesi, perché tutto sia perfettamente funzionale, esteticamente bello e a norma, il consiglio è uno solo: affidarsi a chi il prodotto lo produce e lo conosce in ogni dettaglio.


E-commerce, consumatori disposti a spendere di più per aspettare meno

Più soldi a fronte di meno attesa. I consumatori online sono disposti a spendere di più in cambio di una consegna più rapida ed efficiente. È quanto emerge dall’indagine sui consumatori lombardi svolta dal servizio di consegna a domicilio per l’e-commerce Milkman. Secondo la ricerca, con una spesa di 2-3 euro in più sulla consegna il 41,4% dei consumatori vorrebbe ricevere quanto acquistato il giorno stesso dell’ordine, il 41,6% all’orario più comodo e il 43% alla sera o nel weekend. Insomma, a chi compra on line non piace aspettare nemmeno un minuto più del necessario e tantomeno non poter programmare il momento della consegna.

Obiettivo flessibilità e qualità della consegna

Utenti e-commerce a caccia di maggiore flessibilità e qualità nella consegna, quindi? La risposta sembra essere sì in Italia ma anche a livello globale, indicando un’importante evoluzione nell’atteggiamento dei consumatori online. Secondo una ricerca pubblicata da Dropoff, startup americana specializzata in consegne same-day, il 43% degli utenti americani che acquistano online si aspetta di trovare l’opzione di consegna same-day, percentuale che sale al 50% considerando i Millennials. Grande importanza è attribuita anche alla flessibilità, con il 54% delle richieste relativo alla possibilità di personalizzare giorno e ora della consegna.

Orari scomodi e lentezza le maggiori criticità

Come riferisce Askanews, per gli utenti italiani le criticità del servizio consegne sono soprattutto legate alla scomodità (per il 37%, con consegne effettuate quando si è assenti, in orari scomodi o non rispettati), alla sfiducia (indicata dal 29%, con corrieri che mentono dicendo di essere passati  e pacchi lasciati senza citofonare), alla lentezza (il 19%, differenza tra il giorno di consegna atteso e quello reale) e quindi al rischio (per il 15%, pacchi danneggiati o smarriti).

La consegna? Gli utenti la vogliono programmare

“Il 60% dei nostri clienti decide di programmare la consegna invece di accettare il giorno e la fascia che gli vengono proposti in modo automatizzato – dichiara Antonio Perini, CEO Milkman -. Considerando gli ultimi 3 mesi, il 33% degli utenti Milkman ha scelto la fascia di consegna sotto le 3 ore, il 20% ha scelto di ricevere il proprio pacco tra le 19 e le 22 (servizio serale) e il 20% ha richiesto una consegna in same-day”. La ricerca di Milkman è stata presentata a Milano durante la XIII edizione del Netcomm Forum, la due giorni dedicata all’e-commerce, al digital retail e alla digital transformation delle aziende organizzata al Mico.


Il piacere del caffè ogni volta che vuoi

Secondo recenti statistiche, circa il 30% delle famiglie italiane possiede una macchinetta per il caffè, a testimonianza del fatto che nessuno di noi è disposto a rinunciare al piacevole rapporto quotidiano con la nostra tazzina preferita. Il buon caffè delle capsule Lavazza a Modo Mio by Cialdamia.it rappresenta un’ottima alternativa alla tazzina del bar: grazie a queste pratiche capsule infatti, è possibile concedersi una piacevolissima pausa di gusto e relax in ogni momento della giornata, grazie ad un semplice gesto della mano. Queste ottime cialde vantano un grande assortimento di gusti, in grado di soddisfare le esigenze di tutta la famiglia, e regalano ad ogni sorso quella piacevolissima sensazione che si prova quando si assapora un caffè pregiato.

Esistono tantissime miscele differenti, adatte per ogni momento della giornata ed in grado di soddisfare le esigenze ed i desideri di ciascuno: si va dalle classiche qualità Oro o Crema e Gusto alla delicata miscela a Modo Mio Intenso o Passionale, dalla qualità Ginseng o Orzo per i più esigenti al gusto pieno della qualità Rossa. Le capsule Lavazza a Modo mio incontrano perfettamente i gusti di ciascuno e Cialdamia.it è lo shopping online giusto in cui fare rifornimento ai prezzi più bassi del web: qui trovi le tue capsule preferite, e puoi scoprirne tante altre dalle miscele ricercate e sorprendenti, approfittando al tempo stesso delle tante promozioni in corso. Ad esempio, puoi usufruire della spedizione gratuita per ordini di importo superiore a 100€ e registrandoti sul sito riceverai via mail appositi codici promozionali dalle condizioni vantaggiose.

Concedersi una buona tazza di caffè, cremoso e profumato come quello del bar, è quindi un piacere al quale nessuno è disposto a rinunciare, e le capsule Lavazza a Modo Mio sono il modo migliore per provare quella piacevole sensazione di benessere ogni volta che ti va.


Qualche miglioramento…

L’RSPP, o meglio il responsabile servizio prevenzione, riveste un ruolo di grande importanza all’interno di qualsiasi realtà aziendale, in quanto deve occuparsi di apportare tutte quelle soluzioni in grado di tutelare la sicurezza dei lavoratori nello svolgere le normali attività lavorative. Si tratta di una figura alla quale le aziende sono chiamate obbligatoriamente a provvedere, ed è un ruolo che può essere assunto anche dal datore di lavoro dopo aver effettuato la relativa formazione. Si tratta di un compito che comunque richiede grande applicazione ed il partecipare a frequenti corsi d’aggiornamento per essere sempre in linea con quanto previsto dalla normativa vigente. Questo è il motivo che il più delle volte induce le aziende ad affidare questa tipologia di incarico ad un professionista esterno, in grado di apportare le soluzioni necessarie a garantire la piena sicurezza a tutti i lavoratori, sollevando il datore di lavoro da questo incarico e consentendogli di dedicarsi a tempo pieno al proprio lavoro.

Affidarsi ad un RSPP esterno significa usufruire delle prestazioni di un professionista che conosce bene la materia e che consentirà a tutti di poter svolgere in maniera più serena le proprie mansioni, con la certezza che sia stata adottata ogni possibile precauzione per preservare la salute di ogni singolo dipendente. Area81 è una azienda che si occupa di corsi e consulenza sulla sicurezza sul lavoro, e propone un servizio di RSPP esterno ideale per tutte quelle aziende che hanno deciso di allinearsi a quanto previsto dalla normativa vigente in tema di sicurezza e che non hanno ancora individuato il professionista giusto cui affidare questo compito.

Bene, ora che abbiamo illustrato cosa fa l’azienda e quale sia l’importante ambito nel quale opera, tra gli altri ovviamente, passiamo ad un breve e sintetico commento sulla presenza Facebook: tutto sommato non malaccio. Ci sono articoli originali e richiami ad altri di interesse pubblico, ed i temi trattati sono opportuni e presentati in modo che non definiremmo malvagio. Tuttavia, notiamo un livello di interazione decisamente limitato, probabilmente dovuto ad un tasso di visione dei post molto basso: coraggio Area81, investi in sponsorizzazioni e continua così!


Cominciamo male…

Oggi vorrei raccontare la mia esperienza diretta, mi sembra il modo migliore, tutto sommato, per aprire un nuovo blog: mia moglie ha deciso di cambiare la sua cucina. Ebbene sì, dopo oltre 12 anni di gloria, di qualche cassetto che non si chiudeva, e di tante mangiate… è giunto il momento di rottamare la nostra ormai vecchia cucina artigianale e sostituirla con una nuova fiammante.

L’altra volta ci eravamo affidati, appunto, ad un artigiano: ci sembrava la soluzione migliore, convinti anche da una nostra amica che proprio in quel negozio di lavorava. Questa volta abbiamo deciso di essere coccolati da un grosso nome, che potesse darci anche garanzia di assistenza e continuità dei ricambi: la scelta era tra Scavolini, brand storico ma piuttosto costoso, e Veneta Cucine.

Ci siamo quindi recati da un negozio che conoscevo abbastanza bene, Pedrazzini Centro Arredamenti, che in fatto di cucine a Milano e provincia ha sicuramente uno degli showroom più ampi e forniti. La scelta era vasta, molti modelli, ma quello che più mi ha colpito è stata la competenza del personale: Giorgio, che è anche il titolare, ha praticamente letto nel pensiero mia moglie! Che credetemi, in fatto di cucina e, in generale, scelte per la casa è tremendamente complicata ed esigente. E quindi via ad individuare piano di lavoro migliore, cassetti, pensili… per poi scoprire che spenderemo poco più della metà di quanto speso nel 2005!

Certo dovremo attendere un po’, il modello scelto non era in pronta consegna, ma siamo certi di essere stati guidati al meglio nell’acquisto, perché mentre io mi ostinavo a voler guardare tutta l’esposizione, Giorgio andava dritto per la sua strada e discuteva di aspetti “tecnici” con la mia consorte, trovando la soluzione migliore in meno di un’ora. Che dire, soddisfatto.

Ma vogliamo tornare al vero argomento del nostro blog? Già, la pagina Facebook… Beh, cara Pedrazzini, qui c’è un po’ da lavorare… anzi molto. Ma dico io, possibile che un negozio così bello e fornito, punto di riferimento per chiunque voglia arredare la propria casa, abbia una pagina aggiornata al 2012??? Ma noooo… Siamo proprio alle basi, qualche mi piace, poche recensioni, profilo letteralmente abbandonato.

A chi legge dico: non fatevi ingannare dall’apparenza, certo a Giorgio bisognerà tirare le orecchie, e anche forte, ma l’assortimento e la competenza di questo negozio non hanno davvero molti rivali.