Attenzione al burnout, può causare disturbi cardiaci

Può capitare a tutti di sentirsi terribilmente stanchi, privi di energia, demoralizzati e irritabili. Ma quando iniziano a comparire anche altri sintomi, oltre a stanchezza ed esaurimento, è bene correre ai ripari, perché potrebbe trattarsi di burnout, una sindrome da stress associata dalla scienza anche al rischio di sviluppare un disturbo del ritmo cardiaco, la fibrillazione, potenzialmente mortale. A queste conclusioni è arrivato un ampio studio pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista dell’European Society of Cardiology (Esc), che indica nel burnout una delle cause dell’aritmia cardiaca.

Un esaurimento vitale causato da stress prolungato e profondo

“Questo esaurimento vitale, comunemente indicato come sindrome del burnout, è tipicamente causato da stress prolungato e profondo sul lavoro o a casa”, dice  l’autore dello studio Parveen K. Garg, dell’Università della California del Sud a Los Angeles. “I risultati del nostro studio fanno chiarezza sul danno che può essere causato nelle persone che soffrono di questa forma di esaurimento”, se non viene controllata. La fibrillazione atriale è la forma più comune di aritmia cardiaca. Si stima che 17 milioni di persone in Europa e 10 milioni negli Usa ne soffriranno entro il prossimo anno, con il relativo aumento del rischio di infarto, ictus e morte. Tuttavia, ciò che provoca la fibrillazione atriale non è ancora del tutto chiaro.

Un rischio maggiore di sviluppare fibrillazione atriale

Il disagio psicologico è stato suggerito come fattore di rischio per la fibrillazione atriale, ma studi precedenti hanno mostrato risultati contrastanti. Inoltre, fino a ora, l’associazione tra sindrome del burnout e fibrillazione atriale non era stata analizzata. I ricercatori quindi hanno esaminato oltre 11.000 soggetti in cerca di sintomi di burnout, indagando anche su aggressività, uso di antidepressivi e scarso supporto sociale. Li hanno poi seguiti per un periodo di quasi 25 anni per intercettare un eventuale sviluppo della fibrillazione atriale. Ebbene, i partecipanti con i più alti livelli di burnout avevano un rischio maggiore del 20% di sviluppare fibrillazione atriale nel corso del follow-up, rispetto a quelli con poca o nessuna evidenza di questo tipo di problema.

Aumento dell’infiammazione e maggiore attivazione della risposta fisiologica allo stress

Secondo Garg, probabilmente sono in gioco due meccanismi. “L’esaurimento è associato a un aumento dell’infiammazione e a una maggiore attivazione della risposta fisiologica allo stress del corpo – ha spiegato -. Quando questi due elementi vengono innescati in modo cronico, possono avere effetti gravi e dannosi sul tessuto cardiaco, che potrebbero alla fine portare allo sviluppo di questa aritmia”. Sono necessarie ulteriori ricerche per identificare azioni concrete da parte dei medici per aiutare i pazienti con burnout, ha affermato ancora Garg. Questa sindrome “aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, compresi infarto e ictus. Ora diciamo che può anche aumentare il rischio di sviluppare la fibrillazione atriale – ha aggiunto lo studioso – un’aritmia cardiaca potenzialmente grave”.

 


Comments are closed